Naxos: vacanze in Grecia con bambini

martedì, gennaio 03, 2017 0 Comments A+ a-



Da quando lo scorso anno sono diventata mamma (ne ho parlato qui) le mete dei miei viaggi sono (momentaneamente) un attimo cambiate... Ma quella che non è cambiata è la mia voglia di organizzare viaggi fai da te, di immergermi nella cultura locale e di vivere intensamente ogni viaggio.
E così come meta per la prima vacanza estiva in tre ho scelto di andare fuori dall'Italia e di ritornare dopo tanti anni in Grecia e più precisamente a Naxos.


Perchè ho scelto proprio Naxos?

Ero alla ricerca di un'isola con spiagge sabbiose e bianche, e quindi adatte ad una bimba piccola, non troppo caotica ad Agosto, e non troppo piccola ed isolata in modo da essere sicura di poter avere sul posto un ospedale, delle farmacie e dei medici in caso di bisogno.

La scelta si è rivelata super azzeccata e ne è venuta fuori una bellissima vacanza. Ma veniamo ai dettagli...

Naxos non è collegata con voli diretti con l'Italia e quindi bisogna necessariamente volare in qualche altro aereoporto e poi prendere il traghetto, o in alternativa volare su Atene e poi prendere un volo interno. Noi abbiamo scelto di atterrare a Santorini, perchè volevamo vedere la bomboniera delle Cicladi (qui il racconto su Santorini) e da qui con un comodo traghetto della Blue Star Ferries abbiamo raggiunto dopo qualche giorno Naxos. Il viaggio in nave dura circa 2 ore.

Naxos, a mio avviso, è una meta ideale se come me viaggiate con un bimbo piccolo (la mia bambina aveva 9 mesi). E' un'isola turistica ma tranquilla. Le spiagge non sono affollate e sono quasi tutte di sabbia e attrezzate con ombrelloni e lettini che si possono noleggiare per cifre molto basse (5-10€ al massimo). In più sull'isola è presente un'ospedale, vari medici tra cui un pediatra, tante farmacie, alcune con personale parlante italiano. Se come noi volete noleggiare l'auto le strade sono in buone condizioni e potrete girare l'isola in lungo e in largo senza problemi.

I Greci poi sono veri e propri amanti dei bambini, e si faranno in quattro per aiutarvi e farvi sentire a casa!

Le sistemazioni sono abbastanza economiche se paragonate all'Italia o ad altre mete Europee. Noi abbiamo deciso di alloggiare nella Chora, e con il senno di poi mi sentirei di consigliarlo a tutti. La Chora è la località principale dell'isola, qui troverete un sacco di negozi, ristoranti e locali per la sera. In più è presente anche una spiaggia cittadina (Agios Prokopios), che a mio parere è molto carina e poco affollata ed è perfetta per quei giorni in cui non avete voglia di spostarvi con l'auto.
Noi per l'alloggio abbiamo deciso di affidarci ad un intermediatrio in loco (Naxos Vacanze) una coppia di italiani che vive sull'isola da parecchi anni. Tramite loro abbiamo prenotato Antonia Studio, un bellissimo monolocale a pochi passi dalla spiaggia e dal centro. Abbiamo scelto di affidarci a Naxos Vacanze in quanto essendo la prima vancanza con la nostra bimba piccola ci rassicurava il fatto di avere in loco dei connazionali pronti ad aiutarci in caso di qualsiasi necessità.


Durante i 10 giorni passati sull'isola abbiamo girato varie spiagge ma sicuramente la spiaggia che abbiamo preferito è la Plaka (nella zona davanti a Petrino), perchè ha un che di selvaggio che ci ha ricordato spiagge viste in giro per il mondo, è sempre molto tranquilla e poco affollata (essendo lunghissima!!!) ma allo stesso tempo attrezzata con comodi lettini e ombrelloni.


Ma Naxos non è solo mare, nell'entroterra potete infatti trovare dei piccoli paesini davvero suggestivi. Noi abbiamo visitato sia Halki, imperdibile l'area pedonale con tante antiche botteghe e la distilleria che da 120 anni produce il Kitron (liquore tipico di Naxos), che Apeiranthos, un paesino quasi completamente costruito in marmo. Vi suggerisco di visitare questi villaggi nel tardo pomeriggio e di fermarvi per cena.


 


Se viaggiate con bambini che sono ancora nella fase delle pappe il mio suggerimento è di scegliere come sistemazione uno studio con cucina. In loco nei supermercati si trovano facilmente tutti i prodotti freschi necessari per preparare la pappa. Non sono invece riuscita a trovare creme di cereali o pastina per bambini, il mio consiglio è di portarla da casa. Stesso discorso per il babyfood, sull'isola si trovano solo delle pappe pronte della Nestlè (2 varietà e basta), quindi se utilizzate omogeneizzati meglio portare anche quelli dall'Italia.



Adoro viaggiare da sempre. Amo tutto dei viaggi, dal fantasticare su una meta, a conoscere nuove culture e persone, vedere nuovi posti vicini e lontani, perdersi in strade che non si conoscono, assaggiare nuovi sapori. Fin da bambina sono sempre stata molto curiosa e ho sempre avuto una voce dentro che mi esortava a partire, conoscere posti nuovi ed intraprendere nuove esperienze. Con l'età adulta ho iniziato a viaggiare assiduamente, il mio sogno è quello di poter vedere il mondo intero, credo infatti che ogni luogo possa trasmetterci qualcosa. Ho aperto questo blog per condividere le mie esperienze con tutti coloro che come me amano fantasticare sui viaggi. Benvenuti a bordo!